Sharm el-Sheikh: cosa fare e vedere

Sharm el-Sheikh è una località balneare situata in Egitto, a sud della penisola del Sinai e si affaccia sul Mar Rosso. È una meta turistica molto gettonata grazie alle sue spiagge di sabbia fine e dorata, le sue acque limpide e la barriera corallina.

Cosa vedere:

Ecco un elenco delle mete più famose della città:

  1. Nabq Bay – È la località costiera più ventosa che però, in caso di caldo, è una nota positiva in quanto allevia il calore. Grazie alla sua vicinanza con l’aeroporto, la zona è ricca di villaggi turistici e strutture alberghiere. Qui possiamo trovare una barriera corallina molto vasta che arriva fino all’isola di Tiran. A causa di (o grazie a) queste, sul fondale sono presenti dei relitti che si possono vedere da vicino grazie alle attività di snorkeling ed immersioni. Una volta usciti dall’acqua potrete dilettarvi nel birdwatching poiché il clima e l’ambiente rendono perfetta la zona, utilizzata come via di transito dalle varie specie di uccelli. Insomma Nabq Bay è un perfetto punto d’incontro tra cielo e mare. Inoltre nei dintorni potrete trovare Soho Square con vari locali e ristoranti, Shark’s Bay con la pista di pattinaggio sul ghiaccio e Culturama, un cinema in cui vengono trasmesse proiezioni sul patrimonio naturale e culturale del paese.
  2. Sharm old market – Rappresenta la parte tradizionale della città. Per arrivarci, di solito gli hotel e i villaggi offrono il servizio navetta andata e ritorno ma in alternativa si può prendere un taxi. C’è la possibilità di acquistare i vostri souvenir trattando i prezzi con i commercianti. La sera potrete godere di un’atmosfera suggestiva: le luci accese rendono ancora più maestose la Moschea di Al-Mustafa e la Cattedrale ortodossa-copta Heavenly.
  3. Naama Bay – È l’emblema dello sviluppo turistico e, difatti, è la zona più moderna della città, il contrario Sharm old market. Qui è possibile trovare ancora dei bazar tipici che vendono merce locale. Se doveste soggiornare qui, sappiate che le acque marine di questa zona sono limpide e di un colore turchese e vi è possibile fare snorkeling ed immersioni. Come se non bastasse, a Naama Bay si concentra la vita notturna grazie anche alla presenza della Boulevard Principe del Bahrain, dove si trovano alcune famose discoteche.
  4. Ras Um Sid – Si trova vicino al porto, nella zona sud della città. Nonostante sia un po’ più piccola delle altre, ha un paesaggio naturalistico molto caratteristico. Difatti, la zona è circondata da un promontorio che ripara dal vento tipico ed è possibile raggiungere la barriera corallina. Grazie ai suoi villaggi turistici e resort e ad attività da svolgere, come lo snorkeling, riesce a soddisfare i gusti di tutti. Inoltre, tra Naama Bay e Nabq Bay, è il luogo più tranquillo.
  5. Il Monastero di Santa Caterina – A 200 Km da Sharm el-Sheikh, si trova il tempio cristiano più antico del mondo. Risale al VI° secolo ed è sacro per islamici, cattolici ed ortodossi. Inoltre, secondo la Bibbia, è qui che Mosè ha ricevuto “le Tavole dei 10 Comandamenti”. Solitamente, per raggiungere il monastero, si parte la sera da Sharm el-Sheikh per arrivare la mattina presto ai piedi del Monte Sinai, scalare una numerosa serie di gradoni e potersi godere l’alba dalla cima del monte. Se vi stancate o volete evitare per un po’ la salita, da un certo punto, potrete proseguire sul dorso di un dromedario. Mentre scendete, potete fermarvi per visitare il sito, considerato patrimonio dell’UNESCO con la sua vasta collezione di paramenti liturgici, manoscritti, icone ed ex voto.
  6. L’Isola del Faraone – Un altro sito patrimonio dell’UNESCO che si trova nel Golfo di Aqaba. Nel Medioevo è stata una fortezza bizantina, protetta dai traffici tra il Cairo e Damasco e, successivamente, è stata conquistata da Saladino, sultano d’Egitto e sovrano e condottiero curdo. Oggi, è conosciuta anche come “l’Isola del corallo”, grazie ai suoi splendidi fondali marini che ogni anno attirano migliaia di subacquei da tutto il mondo. Punto speciale di questa barriera corallina è la montagna subacquea di 24 m, chiamata “Picasso Reef”. Dalla cima della fortezza potrete godervi la vista di Giordania, Egitto, Arabia Saudita ed Israele.
  7. Parco Nazionale Ras Mohamed – Una riserva naturale protetta dal 1983 che dista mezz’ora di macchina da Sharm el-Sheikh. Si trova nel punto in cui le acque del Mar Rosso si dividono nel golfo di Aqaba e Suez. È il luogo perfetto per fare immersioni, snorkeling e birdwatching, una passeggiata tra le mangrovie e un bagno nel lago salato. Da tenere presente che in alcuni punti è necessaria la presenza di istruttori subacquei a causa della presenza di forti correnti. Sono presenti delle bellissime spiagge quali Main Beach, Bereika Beach, Hidden Beach e Yolanda Beach (chiamata così dal nome della nave cargo affondata davanti alle sue coste).

Cosa fare:

Tra le varie attività che si possono svolgere a Sharm el-Sheikh, oltre a quelle già nominate sopra, proponiamo:

  1. Tour di mezza o intera giornata nel Deserto del Sinai a bordo di quad o cammelli con cena in stile beduino oppure visione di uno spettacolo e osservazione delle stelle;
  2. In caso non vogliate bagnarvi, avete la possibilità di esplorare i fondali grazie ad un’escursione sottomarina.. L’imbarcazione, su cui potete salire, è dotata di un fondo in vetro e, in questo modo, potrete godervi i fantastici coralli e i pesci variopinti che li abitano;
  3. Se siete persone intraprendenti, allora vi consigliamo il parasailing (disponibile sia in singolo che in coppia) così da potervi godere la vista del paesaggio ad un’altezza di massimo 80 metri;
  4. Tour a cavallo alla scoperta del Deserto del Sinai che termina, se lo desiderate, con un bagno in sella al vostro destriero nel Mar Rosso.
  5. Non mancano certamente tour a tema storico come quelli a Luxor o quelli dedicati alla visita al Cairo e alle piramidi.

E queste sono solo alcune delle attività che si possono sv0lgere a Sharm el-Sheik, ce ne sono per tutti e di più!
Cosa aspetti? Prenota subito il tuo viaggio e parti subito alla scoperta di Sharm el-Sheik!